.
Annunci online

volevosoloscrivere
POLITICA
17 giugno 2008
Plebiscito siciliano!
 in Sicilia è plebiscito non si può definire altro che così, come può succedere a Cuba o in altri paesi dove la democrazia lascia a desiderare (usando un eufemismo!). Ma invece nessuno lo dice e nessuno si chiede come può un partito raggiungere l'80%  con astensione del 60% a Palermo, per esempio. I pacchi di pasta che saranno girati, le promesse di qualsiasi cosa, anche perchè nelle amministrative si candida chiunque, tanto un posto di assessore non si nega a nessuno. La gente è soddisfatta perchè tutti hanno avuto quello che volevano, ognuno nel suo piccolo orticello sta tranquillo, la televisione li rassicura con proclami per la nazione in difesa dell'unico uomo santo che ci può salvare tutti. Tanto le urgenze dell'Italia sono la magistratura e i giornalisti e i politici siciliani lo sanno soprattutto quelli che siedono al parlamento, perchè questi due poteri sono quelli che spesso hanno rotto le scatole con inchieste su mafia, camorra, affari sporchi, politica da strapazzo ect.... Adesso è tutto a posto, finalmente il nostro premier non potrà più essere processato e nessuno verrà a sapere nulla su ciò che magari può mangiarsi i propri risparmi...tipo parmalat...o che puà mettere immondizia in ogni angolo della propria terra....o che può sbudellare pazienti per guadagnare di più...beata ignoranza. E' sempre lo stesso discorso. Un popolo ignorante è più facile da gestire e da guidare.
E adesso prepariamoci ad un altro caso Forleo o DeMagistris, con il giudice del processo Mills, Nicoletta Gandus che è stato ricusato dagli onorevoli legali del berlusca perchè avrebbe  avuto "manifestazioni di pensiero che appalesano una inimicizia grave" nei confronti di Berlusconi. E nell'istanza si sottolinea anche come il giudice Gandus "appaia tra i soggetti potenzialmente danneggiati nel processo collegato, da cui nasce il presente processo, avendo posseduto azioni Mediaset ed essendo quindi fra quei soggetti che potenzialmente avrebbero potuto costituirsi parte civile". (http://www.repubblica.it/2008/06/sezioni/politica/giustizia-1/ricusa-gandus/ricusa-gandus.html). Adesso diranno che era pazza, che ce l'aveva con lui, poverino!
POLITICA
10 giugno 2008
Convenzioni scandalose
 La notizia dello scandalo della clinica di Milano dove si faceva di tutto di più per racimolare i soldi della regione per le convenzioni, mi ha fatto venire in mente questo film di Salce con Alberto Sordi "Il Prof. Dott. Guido Tersilli Primario della clinica Villa Celeste convenzionato con le Mutue". Capolavoro, seguito del "Dott. Guido Tersilli medico della mutua", raccontava di questo medico che avendo la clinica privata convenzionata, dei pazienti non gliene poteva fregare de meno e ogni operazione veniva passata al vaglio del rimborso e di quanto ci si poteva guadagnare. Storia vecchia... a quanto pare no...anzi le convenzioni sono un serbatoio importante per quanto riguarda il guadagno, perchè se il medico riceve un compenso in base alle prestazioni che fa e la clinica guadagna su questo, più sono le prestazioni più si intasca. La sanità è un pozzo sicuro per far soldi, ne girano tanti... e a me è venuto in mente una cosa...
Se in Lombardia, dove le convenzioni sono intorno ad un centinaio, succede questo, in Sicilia, dove le convenzioni sono più di 1500 (una bella convenzione non si nega a nessuno!) cosa succederà? Perchè le cliniche convenzionate sono veramente tante e le spese per una clinica sono molto alte, specialmente se si vuole mantenere uno standard di livello medio...mi viene da pensare che cose poco chiare possano succedere anche lì, dove la sanità ha un buco spaventoso, ma dove si trovano sempre i soldi per i privati...è chiaro che stiamo parlando di congetture...di ipotesi per assurdo...non mettiamo in mezzo poi sempre la mafia che con la sanità ha sempre ben guadagnato...
Mi piacerebbe che, prima che le intercettazioni diventino un crimine assoluto, si usassero per capire come funziona la faccenda...
Ultimo pensiero che mi sovviene...come mai in Piemonte il servizio 118 costa circa 90 milioni di euro e funziona in tutte le provincie e anche discretamente bene e in Sicilia costa 250 milioni di euro e funziona male con province sprovviste completamente del medico a bordo delle ambulanze?
POLITICA
11 maggio 2008
Le due italie
Perchè qui a Torino esiste un ente come l' "Iter istituzione torinese per l'educazione responsabile" (www.comune.torino.it/iter), ente pubblico e a Palermo no? Perchè qui sembra che dal punto di vista culturale l'offerta sia inesauribile e che dove giri giri puoi trovare cose da fare, mostre, dibattiti, fiera del libro, cultura del territorio persino attenzione a fare il gelato con i prodotti migliori del territorio, insomma la qualità, e giù in Sicila no? La rabbia che provo ogni volta che mi rendo conto di questo e infinita. Lo so che non è tutto oro quello che luccica, ma qui sicuramente ci sono molte più opportunità di migliorare che giù e non è affatto giusto. Qui sono le istituzioni che supportano l'educazione dei giovani, in sicilia ci sono  persone che da sole fanno miracoli con il poco a disposione combattendo ogni giorno ed elemosinando contributi da qualche ente che per pietà e misericordia si accorge di loro.
La mia terra la vedo affondare sempre di più e per favore non parliamo più di mafia in termini di padrini e picciotti. Ormai hanno studiato, si sono laurati si sono messi nei posti giusti, sono arrivati ad alti livelli politici, sono arrivati agli alti vertici dello stato. Per essere mafiosi ormai non c'è più bisogno del patto di sangue e altre cose del genere, basta frequentare certi personaggini e accettare un certo tipo di politica fatta di patti tra capoccia di partiti che mangiano dove posso e come possono tanto se vengono scoperrti un posto al senato non glielo toglie nessuno!
Io ribadisco sempre che faccio parte di quelle poche persone che non hanno mai votato nessuno di questi individui, ma figurarsi se domandando in giro ho mai scoperto chi diavolo li votasse, tutti a nascondersi perchè chi entra nel circuito delle clientele un pò se ne vergogna, ma neanche troppo perchè tanto ogni volta che si tira in ballo un posto di lavoro di ogni ordine e grado, prima bisogna capire qual'è il politico di riferimento a cui chiedere "consiglio" e poi si possono vedere quali sono i requisiti richiesti. Questi signori non hanno nessun interesse a far migliorare le cose perche se la gente non ha più bisogno di te allora sei spacciato! Se invece la lasci morta di fame puoi giocare sul suo "stupido" bisogno di mangiare ogni giorno! Ma non cercando di dare loro qualcosa di stabile, no, gli dai l'illusione di pensare a loro, in realtà raccatti voti per pochi pacchi di pasta e tutti sono contenti, lo schifo, la munnizza, la mafia, la camorra non ci sono più!!! Questa sono le armi più potenti che la mafia ha a disposizione, il bisogno, l'ignoranza, la mediocrità. Se sono stato abbituato a vivere nella monnezza penserò che il mondo sia quello e quindi potrò essere manipolato quanto voglio. Falcone diceva che il problema mafia era principalmente culturale, ma nessuno lo ha mai preso molto sul serio fin'ora altrimenti forse la lotta alla mafia sarebbe a buon punto... 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. torino sicilia mafia

permalink | inviato da antonellaegiulia il 11/5/2008 alle 15:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte