.
Annunci online

volevosoloscrivere
POLITICA
23 maggio 2008
Capaci 16 anni
 Oggi è il 23 maggio e devo dire che anch'io ho ricordato solo ora che oggi è l'anniversario della strage di Capaci... In mezzo a tutto questo festeggiare perchè "finalmete" abbiamo un governo che ci guiderà verso orizzonti lontani senza più immondizia, senza più violenza, senza più rom senza più...fate voi tanto di fesserie se ne possono dire quante se ne vuole...
In mezzo a tutto questo oggi sono 16 anni da allora e tutti sono pronti a dire due parole di rito, le solite, senza senso. Io non ho voglia di dire niente, voglio solo raccontare quel giorno che ho vissuto nella mia città Palermo. Io me lo ricordo quel giorno, quando è arrivata la notizia... una bomba ha sconquassato l'autostrada verso l'aereoporto... Falcone è saltato in aria... forse e vivo...la scorta, Dio mio!!! Le telefonate concitate per capire se quel giorno nella scorta c'era pure un ragazzo che conoscevamo... se qualcuno passava da quella strada visto che da lì si arriva a Terrasini e  noi conoscevamo persone lì.... e poi adesso.... che succede...
Io me lo ricordo quel giorno...mi ricordo quello che ha prodotto... un periodo di rinascita e di voglia di cambiare... i palermitani che si riprendono in mano la città e decidono di cambiare... i ragazzi e i bambini che fanno catene umane con le persone anziane per tutta la città, e dopo la morte di Borsellino, ancora di più... mi ricordo la quantità di persone che c'era davanti il palazzo di giustizia, tutti stretti attorno Caselli e i suoi magistrati...
Io c'ero ed è stato un momento in cui sembrava tutto possibile... che la mafia avesse i giorni contati e invece... a poco a poco tutto è tornato come prima, come negli anni ottanta, i veleni all'interno del palazzo di giustizia, i magistati che perdono le loro armi, cioè le leggi, la mafia che avanza senza fare stragi, senza fare rumore...la mafia sta vincendo, anche se i suoi capi storici sono dentro!!! La mafia sta vincendo perchè ormai sembra relegata solo al pagamento del pizzo e al traffico di droga. Forte di questo la mafia è entrata a piene mani nelle istituzioni, in politica, nella grande finanza, ovunque!!!
Falcone stava arrivando al famoso terzo livello, quello mafia - politica - finanza... morendo lui e Borsellino.... fate un pò voi i conti!
Vorrei ricordare tutti i ragazzi della scorta che sono morti e che pur guadando uno stipendio ridicolo, fanno un lavoro di schifo in nome dello Stato! Io ho avuto modo di conoscerne alcuni e vi assicuro che non ho visto nè rambo, nè ragazzoni gonfiati con l'auricolare, ma persone normali che credono importarte il lavoro che fanno, tutto qui!!!
Io me lo ricordo quel giorno... spero anche voi

P.s. Io oggi avrei voluto essere nella mia città, insieme ai miei amici e alle persone della mia terra, ma non è stato possibile visto che purtroppo la mia terra mi ha spinto fuori da se, mi ha obbligato ad andare via con tutta la mia famiglia perchè il lavoro è altrove non nella mia terra, un lavoro che mio marito avrebbe dovuto fare proprio lì al servizio della salute dei cittadini ed invece siamo dovuti andare via e i cittadini siciliani si attaccano...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. falcone capaci mafia

permalink | inviato da antonellaegiulia il 23/5/2008 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
POLITICA
19 maggio 2008
Democraticamente!
 " La democrazia vi dà la sensazione di poter scegliere" - Gore Vidal

Già, noi tutti ci sentiamo democratici al 100%, fino al midollo! Chiunque dice che siamo liberi di scegliere, di dire e fare ciò che vogliamo "democraticamente". Certo bisogna stare attenti a "cosa" si dice, eh! Se per esempio dico la verità allora bisogna vedere se questa verità funziona al potere oppure è contro. In quest'ultimo caso è meglio tacere ed essere tutti uniti in un grande brindisi di fratellanza!!! Ma la libertà di parola è sacra e tutti ripetono che tutti hanno il diritto di dire tutto, non sia mai, signora mia!!!!
Io non vedo in giro tanta libertà di dire e fare, soprattutto di scegliere ciò che si vuole. Nell'informazione si vede come tutto sia standardizzato secondo uno stile di mediocrità che fa si che la gente sia anestetizzata e impaurita. L'impostazione è: dagli un pò di tette e culi, fai il guardone con le vite degli altri, impaurisci ben bene facendo salire l'ansia, ma tranquillizza con una buona dose di gossip e trenini. Ogni tanto un bel piantino dalla D'Eusanio e ricomincia la giostra!!! Dimenticavo la buona massaia con la Clerici che ci insegna a fare le torte e le crostate, per esempio, per chi è impegnato a fare lo scrutatore come il Berlusca insegna!!!
Nella vita quotidiana le scelte sono condizionate dal lavoro, se ce l'hai, da quanto guadagni e quanto dura! "I giovani", termine di cui si abusa quotidianamente, in condizioni precarie sono ormai vecchi, perchè una persona a 40 anni con prerogative zero, chiamarlo ancora giovane è un pò troppo!!! Mio Padre a 40 anni aveva già due figli, una macchina ed è riuscito pure a mettere i soldi da parte per comprare casa. Adesso a 40 anni capisci che forse è meglio emigrare se vuoi avere qualcosa di più stabile. E questo non si scegliere, perchè le scelte si fanno da giovani, non quando hai già famiglia e sei costretto a farle queste scelte. Normalmente dovrebbe funzionare che io studio, mi laureo faccio le mie esperienze formative e lavorative anche precarie per un periodo e poi arrivo ad avere la qualifica necessaria per trovare una mia collocazione nella società in base a quello per cui mi sono formato! Invece adesso funziona che mi laureo, spendo (anzi, i miei genitori spendono!) magari un sacco di soldi in master che alla fine fanno guadagnare solo le grandi società che mi sfruttano e poi mi buttano, e mi ritrovo a cercare un qualsiasi lavoro che mi permetta almeno di non chiedere i soldi a mio padre per andare una volta tanto a mangiare una pizza fuori (non di più se no sforo il ridicolo budget!).
Ma il più grande paradosso per uno stato democratico è essere continuamnete sconfitto dai poteri mafiosi. Io penso che se qui in Italia ci fosse vera democrazia, la mafia avrebbe poco da fare. Come potrebbe uno Stato democratico che ha a cuore la libertà dei suoi cittadini, far proliferare questo antistato che la libertà la toglie? E' un controsenso! Farebbe di tutto per sconfiggerla con tutti i mezzi a sua disposizione, metterebbe in campo le sue armi migliori!!! E invece...se li mette in casa, dà loro cibo caldo, li fa accomadare sulle poltrone più comode e belle! E se qualcuno fa notare che sono le persone sbagliate a sedere lì, che è tanto importante quel posto che forse sarebbe meglio informarsi prima di aprire la porta, viene preso per pazzo, reazionario, terrorista e chi più ne ha più ne metta!!
La mafia non è solo affari sporchi, malavita, droga e ammazzati per strada, la mafia ormai è affari sporchi ripuliti e travestiti da banchieri, affaristi, quote in borsa, salotti buoni, alta finanza, politica anche internazionale. Ormai ha studiato, ma non per cultura personale, ma per avere più armi per portare avanti la scalata al potere. Chi frequenta certi ambiente dopo un pò capisce dove sta il marcio e lì decide da che parte stare, eccola la vera libertà! Decidere tra la fogna e la verità, la giustizia! Il problema è che la fogna è molto più facile da attraversare quando si riesce a stare a galla!!!!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro democrazia informazione mafia

permalink | inviato da antonellaegiulia il 19/5/2008 alle 15:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
11 maggio 2008
Le due italie
Perchè qui a Torino esiste un ente come l' "Iter istituzione torinese per l'educazione responsabile" (www.comune.torino.it/iter), ente pubblico e a Palermo no? Perchè qui sembra che dal punto di vista culturale l'offerta sia inesauribile e che dove giri giri puoi trovare cose da fare, mostre, dibattiti, fiera del libro, cultura del territorio persino attenzione a fare il gelato con i prodotti migliori del territorio, insomma la qualità, e giù in Sicila no? La rabbia che provo ogni volta che mi rendo conto di questo e infinita. Lo so che non è tutto oro quello che luccica, ma qui sicuramente ci sono molte più opportunità di migliorare che giù e non è affatto giusto. Qui sono le istituzioni che supportano l'educazione dei giovani, in sicilia ci sono  persone che da sole fanno miracoli con il poco a disposione combattendo ogni giorno ed elemosinando contributi da qualche ente che per pietà e misericordia si accorge di loro.
La mia terra la vedo affondare sempre di più e per favore non parliamo più di mafia in termini di padrini e picciotti. Ormai hanno studiato, si sono laurati si sono messi nei posti giusti, sono arrivati ad alti livelli politici, sono arrivati agli alti vertici dello stato. Per essere mafiosi ormai non c'è più bisogno del patto di sangue e altre cose del genere, basta frequentare certi personaggini e accettare un certo tipo di politica fatta di patti tra capoccia di partiti che mangiano dove posso e come possono tanto se vengono scoperrti un posto al senato non glielo toglie nessuno!
Io ribadisco sempre che faccio parte di quelle poche persone che non hanno mai votato nessuno di questi individui, ma figurarsi se domandando in giro ho mai scoperto chi diavolo li votasse, tutti a nascondersi perchè chi entra nel circuito delle clientele un pò se ne vergogna, ma neanche troppo perchè tanto ogni volta che si tira in ballo un posto di lavoro di ogni ordine e grado, prima bisogna capire qual'è il politico di riferimento a cui chiedere "consiglio" e poi si possono vedere quali sono i requisiti richiesti. Questi signori non hanno nessun interesse a far migliorare le cose perche se la gente non ha più bisogno di te allora sei spacciato! Se invece la lasci morta di fame puoi giocare sul suo "stupido" bisogno di mangiare ogni giorno! Ma non cercando di dare loro qualcosa di stabile, no, gli dai l'illusione di pensare a loro, in realtà raccatti voti per pochi pacchi di pasta e tutti sono contenti, lo schifo, la munnizza, la mafia, la camorra non ci sono più!!! Questa sono le armi più potenti che la mafia ha a disposizione, il bisogno, l'ignoranza, la mediocrità. Se sono stato abbituato a vivere nella monnezza penserò che il mondo sia quello e quindi potrò essere manipolato quanto voglio. Falcone diceva che il problema mafia era principalmente culturale, ma nessuno lo ha mai preso molto sul serio fin'ora altrimenti forse la lotta alla mafia sarebbe a buon punto... 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. torino sicilia mafia

permalink | inviato da antonellaegiulia il 11/5/2008 alle 15:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
       giugno

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte